Tutti gli articoli di Staff

Cento anni, docufilm al Kinemax

Questa sera, lunedì 4 dicembre alle 20.30, al Kinemax Gorizia il regista Davide Ferrario presenta il suo ultimo film documentario, “Cento anni – La storia italiana e le sue Caporetto”. L’opera, suddivisa in quattro momenti, raccontati ognuno con uno stile diverso, intende aiutare a riflettere sulla storia, sul cinema e sui modi della messa in scena. Tra gli artisti coinvolti nel progetto, anche il musicista Massimo Zamboni, l’attore Marco Paolini e il poeta Franco Arminio.

CENTO ANNI trailer from Lab 80 film on Vimeo.

SquaLox argento assoluto

Il ritorno di SquaLox. Il goriziano Lorenzo Glessi, in forza alla Gorizia Nuoto e al Centro sportivo Esercito, ha azzannato l’argento assoluto nei “suoi” 200 metri misti ai campionati italiani open in vasca corta, ritornando così su un podio nazionale con il suo secondo miglior tempo di sempre, 1.56.60. L’avventura ai campionati di Riccione era iniziata con il quarto posto nei 100 misti e il quinto nei 100 farfalla. Poi, i 200 misti, specialità della casa. «È un argento strepitoso» ha commentato il presidente della Gorizia Nuoto, Sergio Burelli, «visto che Lorenzo ha lasciato dietro di sé ben tre grandi della specialità che, fino a ieri, gli erano stati sempre davanti». Il prossimo appuntamento per SquaLox sarà la Coppa Brema a squadre, insieme ai suoi compagni goriziani, il 23 dicembre a Trieste.

“Bratina”, domani il premio a Brenta

Quella di domani, mercoledì 29 novembre, sarà una giornata cruciale per il “Premio Darko Bratina. Omaggio a una visione”, quest’anno dedicato al regista e docente Mario Brenta. L’autore verrà insignito del riconoscimento per la sua opera cinematografica, audiovisiva e di formazione. Il festival monografico curato dal Kinoatelje in collaborazione con diverse realtà cinematografiche italiane e slovene proporrà un’analisi approfondita sulla sua produzione con un masterclass al Palazzo del cinema di Gorizia, dedicato agli studenti di studi cinematografici e umanistici e a ricercatori, professionisti e altri cinefili. Si partirà alle 9 con il benvenuto e una presentazione breve del festival a cura di Mateja Zorn, responsabile della rassegna. Alle 9:30 il critico cinematografico Nicola Falcinella presenterà il premiato quindi si passerà alla visione del documentario ROBINSON IN LAGUNA, (1985, 24′). Alle 10.30 l’autore si dedicherà alla sua prima lezione della giornata dal titolo “Film oggi” mentre alle 11.45 si terrà la proiezione di OSOLEMIO – AUTORITRATTO ITALIANO, (Ipotesi cinema, 2004, 53′). Poco dopo inizierà la lezione 2, sempre a cura del regista, dal titolo »Iconografia del linguaggio cinematografico nel film Bàrnabo delle montagne«. Alle 15 si parlerà poi del film documentario e della collaborazione artistica tra Mario Brenta e sua moglie, Karine de Villers, con Denis Valič, critico cinematografico. Per finire, un ultimo documentario: DELTA PARK, (2016, 68′). Dopo il masterclass il Palazzo del cinema ospiterà la serata d’onore per la consegna del premio alle 20, cui seguirà la proiezione del primo lungometraggio di Brenta, Vermisat. Per il masterclass la partecipazione è gratuita, per l’iscrizione scrivere all’indirizzo press@kinoatelje. Serata d’onore e proiezioni a ingresso libero.

Verdi, attesa per “La vedova allegra”

Nel 1861, il commediografo e librettista francese Henri Meilhac (lo stesso della Carmen di Bizet), scrisse un piacevole vaudeville che però divenne famosissimo solo molti anni dopo, nel 1905, grazie alla musica di Franz Lehár: era nata “La Vedova Allegra”. A portarla in scena al Teatro Verdi di Gorizia venerdì primo dicembre, come di consueto alle 20.45, in un appuntamento fuori abbonamento, sarà Corrado Abbati. Un capolavoro di genuina ispirazione, dove i protagonisti sono coinvolti in un vorticoso e divertente scambio di coppie, di promesse, di sospetti e di rivelazioni. Un parapiglia che, come è naturale che sia in una operetta, al termine si ricompone nel migliore dei modi con il matrimonio fra la bella vedova Anna Glavari e l’aitante diplomatico Danilo. Così, nel finale, tutti cantano la celeberrima marcetta “È scabroso le donne studiar!” in una Parigi elegante e spensierata, come elegante e spensierato vuole essere questo nuovo allestimento della celebre operetta. A “La vedova allegra” sarà dedicato domani, mercoledì 29 novembre, il primo degli “Incontri al Verdi – Conosciamo meglio lo spettacolo”, alle 18.30 nel Foyer del Teatro, con ingresso libero. Terrà l’incontro Rita De Luca della Società Dante Alighieri. Introdurrà Francesca Santoro, giornalista responsabile ufficio stampa del Teatro. I biglietti sono in vendita nel Botteghino del Teatro in corso Italia, aperto da lunedì a sabato dalle 17 alle 19, e sono disponibili su www.vivaticket.it.

Migranti, tenda al “Contavalle”

I quartieri confinanti di San Rocco e Sant’Anna si candidano a diventare il nuovo nucleo della presenza di richiedenti asilo nella città di Gorizia. Dopo il centro di primissima accoglienza istituto quasi due anni fa da Medici Senza Frontiere nell’area del San Giuseppe, tra via Vittorio Veneto e via Grabizio, ora i migranti si preparano a sbarcare nella vicina via Garzarolli, che attraversa l’abitato di Sant’Anna. È di poco fa, infatti, l’annuncio dell’Arcidiocesi di Gorizia, che preso la decisione di rispondere all’invito arrivato nelle ultime ore dalla Prefettura. «L’Arcidiocesi predisporrà nei prossimi giorni una tenda riscaldata nel parco dell’istituto “Contavalle” in via Garzarolli» si legge nel comunicato della Curia, «per ospitare quanti, nonostante gli annunciati interventi in questi giorni, rischiano di trovarsi a dover affrontare all’addiaccio le temperature invernali». La tenda sarà fornita da Medici Senza Frontiere e, come si legge ancora nell’annuncio di via Arcivescovado, sarà temporanea fino a una durata massima di tre mesi. Potrà ospitare fino a un massimo di 60 persone e la gestione sarà affidata alla Caritas diocesana.

I successi dei Pink Floyd al Kulturni dom

Le melodie leggendarie dei Pink Floyd faranno scatenare questa sera dalle 20.30 il pubblico del Kulturni dom. Sul palco di via Italico Brass saliranno gli isontini “Pink Passion”, cover band della band britannica che a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta diede un contributo decisivo allo sviluppo del rock psichedelico con brani rimasti impressi in maniera indelebile nella storia della musica, da “Money” a “Us and Them”, fino alla splendida “Shine on You Crazy Diamond”, tutte inserite immancabilmente nella scaletta di domani accanto a una chicca per veri intenditori: uno dei primi brani dei Pink Floyd, inciso ai tempi di Syd Barret, intitolato “Astronomy Domine”. Il concerto di domani rappresenterà anche il debutto per la rinnovata line-up dei Pink Passion, che si presenteranno sul palco con Marco Chiarion (batteria), Riccardo Esercitato (basso e voce), Alessandro Spanghero (chitarra e voce), Mauro Tesolin (chitarra e voce), Diego Bon (tastiere), Paolo Gregorig (sassofono), Luca Capizzi (sassofono), Laura Bisiach (voce e cori), Cristina Del Negro (voce e cori) e Diletta Pettorossi (voce e cori). La serata è promossa nell’ambito della rassegna musicale “Across the border” dalla cooperativa culturale Maja e dal Kulturni dom.